Certosa di Pavia, Biblioteca Antica
4 . 11 . 2021 – 9 . 1 . 2022
Certosa di Pavia, Biblioteca Antica
4 . 11 . 2021 – 9 . 1 . 2022
Corali Certosa Pavia Corali Certosa Pavia

IMMAGINI IN CANTO

I CORALI DELLA CERTOSA DI PAVIA

©2022 DIREZIONE REGIONALE MUSEI LOMBARDIA.

Palazzo Arese Litta. Corso Magenta, 24. Milano

Corali Certosa Pavia
PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY

Palazzo Arese Litta. Corso Magenta, 24. Milano

©2022 DIREZIONE REGIONALE MUSEI LOMBARDIA.

DEVELOPED BY VIVA!

L’ESPOSIZIONE

Sleeping Beauty
alla Certosa di Pavia
ovvero risvegliare
la bella addormentata
con la musica

SFOGLIA I CORALI

Nell’ambito del progetto Sleeping Beauty, promosso dal Ministero della Cultura allo scopo di studiare e fare conoscere le opere conservate nei depositi dei musei, la Direzione regionale Musei Lombardia ha restaurato nel 2021 il Graduale 822.
Il Graduale 814 è stato invece restaurato nel 2009 dalle monache Benedettine di Viboldone.
I due volumi contengono i canti dalla prima domenica di Avvento alla prima domenica dopo l’ottava di Epifania.

Entrambi i volumi sono stati esposti per la prima volta al pubblico nella mostra “Immagini in canto” (4 novembre 2021 – 9 gennaio 2022) presso la Biblioteca Antica della Certosa.

IL PATRIMONIO LIBRARIO

La Biblioteca della Certosa

Immediatamente dopo la fondazione della Certosa di Pavia, nell’agosto 1396, i monaci iniziarono a costituire una biblioteca: i codici venivano acquistati sul mercato o trascritti dai monaci, come richiedeva la regola, mentre quelli destinati alle funzioni liturgiche furono affidati a botteghe di copisti e miniatori milanesi: oggi dispersi, recavano le armi del duca di Milano Gian Galeazzo Visconti, fondatore del monastero. Il patrimonio librario crebbe velocemente nel corso dei due secoli successivi, come sappiamo da un inventario redatto tra la fine del Cinque e l’inizio del Seicento.

LEGGI TUTTO

Nel Graduale 814 è stata segnalata la presenza di un’iniziale, raffigurante la Vergine in adorazione del Bambino (foglio 21v), miniata dal celebre artista veronese Girolamo dai Libri (1474-1555).

SFOGLIA IL GRADUALE 814

I MINIATORI

Gli autori delle immagini

Nei codici sono stati individuati due miniatori principali, Evangelista della Croce e Benedetto da Bergamo.
Vicario del monastero di Santa Maria Bianca di Casoretto, a Milano, Evangelista della Croce miniò i Graduali 814 e 822. Il suo talento fu apprezzato già in epoca moderna, tanto che lo storico Paolo Morigia lo definì nel 1619 miniatore diligentissimo e coloritore vaghissimo.
Morto Evangelista nel 1560, i lavori furono affidati a Benedetto da Bergamo (da Concorezzo o da Corteregia), monaco vallombrosano di San Lanfranco di Pavia: il miniatore doveva interessarsi all’acquisto delle pergamene, alla scrittura e infine alla decorazione dei codici.
Il pavese Guarnerio Berretta collaborò ai graduali 821, 823 e 824 negli anni Settanta del Cinquecento.

LEGGI TUTTO

Il canto gregoriano

I monaci seguivano il canto gregoriano, che prevede un coro maschile e una voce solista senza accompagnamento musicale. Il nome deriva dal benedettino Gregorio Magno, papa (590-604) che, secondo la tradizione, raccolse e riordinò in un unico volume tutti i canti per la messa.
 
Nei corali certosini la melodia è segnalata da notazioni quadrate, i neumi, su un tetragramma, antenato del pentagramma.

ASCOLTA IL CANTO GREGORIANO

Corali Certosa Pavia

Certosa di Pavia,
Biblioteca Antica
4 . 11 . 2021 – 9 . 1 . 2022

Certosa di Pavia, Biblioteca Antica
4 . 11 . 2021 – 9 . 1 . 2022

This site is registered on wpml.org as a development site.